FORUM VALLEVERSA.it
FORUM VALLEVERSA.it
Nome utente:
Password:
Salva password
Hai perso la Password?
 
 Elenco dei forum
 VARIE ED EVENTUALI sulla Valle Versa
 galla

 Versione stampabile
 
Autore Discussione indietro Discussioni Discussione successiva  
tiziano
Membro Attivo



55 messaggi
Inserito il - 17 Febbraio 2005 :  11:45:43  Visualizza profilo  Rispondi citando Bookmark and Share
GALLA

Si tratta di un rigonfiamento di cellule vegetali tumorali di forma sferica, della misura di una piccola biglia, che si forma come reazione di una pianta in seguito alla puntura di un insetto che utilizza le parti di quella pianta per deporvi le uova.
Esse si possono formare sulle foglie, ma anche su rami, radici e fiori.
Le galle essiccate vengono chiamate anche noci di galla e contengono il tannino: si tratta di una sostanza presente soprattutto nelle parti vecchie di molti vegetali ed appunto nelle galle; possiede la proprietà di rendere imputrescibili le pelli.
Il tannino si estrae dalla corteccia di quercia, di china, dal legno di castagno, oltre che dalle noci di galla.
I tannini sono usati, oltre che in conceria, in tintoria, nell'industria cartaria come coloranti e in medicina come astringenti.

CONCIATURA
E’ un processo molto antico di lavorazione delle pelli che avviene attraverso l’immersione della pelle stessa in acido tannico; questa procedura conferisce al materiale trattato un colore bronzato.
Nell'antichità questa procedura veniva usata dai laboratori di tintori e di conciatori, e serviva anche per colorare le pelli e le stoffe, grazie all’aggiunta di additivi.


INCHIOSTRO
La base dell’inchiostro medievale era una soluzione di estratto dalla noce di galla e gomma, a cui si dava colore con l’aggiunta di carbone (nerofumo) o alcali di ferro oppure sali di rame.
L’inchiostro era adoperato per disegnare e tracciare linee, così come per scrivere e, quando diluito, essendo applicato con un pennello, come un acquerello.


L’INCHIOSTRO DI GALLA NEL MEDIOEVO
L’inchiostro a base di noce di galla e metallo era in uso almeno dal III secolo ma non vi sono descrizioni della sua preparazione fino ai primi del XII secolo; da questo momento le ricette artigianali descrivono tali inchiostri e, probabilmente, tutti i manoscritti tardo medievali sono scritti con questo stesso tipo di inchiostro.
E’ interessante apprendere che il principale ingrediente era la galla di quercia.
Se raccolte troppo giovani le noci di galla si raggrinziscono come frutta matura, ma quando la larva all’interno si sviluppa completamente in insetto e lascia il suo bozzolo vegetale attraverso un foro, la noce che resta è ricca di acido tannico e gallico.
Le galle raccolte venivano frantumate e lasciate in infusione con acqua piovana, talvolta con vino bianco o aceto, sotto il sole o vicino al fuoco.
Il secondo componente era il solfato di ferro: questo poteva essere prodotto artificialmente o trovato naturalmente come risultato dell’evaporazione dell’acqua nei terreni ferrosi.
Veniva poi aggiunto alla pozione a base di noce di galla e rimescolato con un bastone di fico.
La soluzione così ottenuta passava da un marrone pallido al nero.
A questo punto veniva aggiunta della gomma arabica non tanto per aumentarne le capacità adesive ma per incrementarne la densità: le penne d’oca infatti necessitavano di un inchiostro viscoso, mentre le moderne penne stilografiche no.
Da rilevare che l’inchiostro a base di noce di galla si scurisce quando esposto all’aria sulle pagine dei manoscritti.
Viene ben assorbito dalla pergamena e può essere rimosso con una certa facilità; l’inchiostro a base di galla è anche maggiormente lucido e splendente dell’inchiostro di nero fumo utilizzato precedentemente nel Medioevo, che risultava più nero e granuloso.

--°°--

chi giudica spesso non capisce: chi capisce non giudica

tiziano
Membro Attivo



55 messaggi
Inserito il - 17 Febbraio 2005 :  11:51:58  Visualizza profilo  Rispondi citando

--°°--

chi giudica spesso non capisce: chi capisce non giudicaTorna all'inizio della pagina

   

 Versione stampabile
Vai a:

Utenti connessi in questo momento al Forum: 1 Anonimo.

FORUM VALLEVERSA.it

pagina vista n°     | info@valleversa.it  | made by  Fase Web 

© 2002-2012 Fase Web

Torna Su

Snitz Forum
versione italianizzata da webmasterpoint