Valleversa.it dove si trova la Valle Versa astigiana
 

Le chiese romaniche della
Valle Versa Astigiana:
HOME VALLEVERSA
CHIESE ROMANICHE - HOME

Montiglio: S. Andrea
Montiglio: S. Lorenzo
-  S. Lorenzo: le sculture
Scandeluzza: 
    S.S. Fabiano e Sebastiano
Scandeluzza: Sant'Emiliano
Colcavagno: S. Vittore
Montechiaro: 
    S.S. Nazario e Celso
Montechiaro: 
    S. Maria di Pisenzana
Corsione:
    S. Maria di Aniceto
Castell'Alfero
    Madonna della Neve
Calliano: S. Pietro
Portacomaro: S. Pietro

 

ALTRE CHIESE ASTIGIANE
Albugnano - Vezzolano
Aramengo
Buttigliera
Camerano
Cinaglio
Chiusano
Moransengo
Castelnuovo Don Bosco
Rocchetta Tanaro
Cortazzone
Bagnasco di Montafia
Montafia
Cerreto
Rocca d'Arazzo
Tonengo
Montemagno S. Vittore
Montemagno S. Maria
Piov Massaia
Settime
Viarigi

 

ALTRE CHIESE TORINESI
Andezeno
Mombello Torinese
S. Sebastiano Po
Cavagnolo
Brusasco


la newsletter di Valle Versa.it
inserisci il tuo indirizzo e-mail


vuoi saperne di pi? clicca qui

 

 

 

 

chiese romaniche della Valle Versa

S. Maria Assunta di Pisenzana di Montechiaro

 


la chiesetta vista da lontano: situata sul culmine di una collina in posizione panoramica








Ecco come appare la chiesa arrivando dalla stradina del vecchio cimitero









la lapide che si vede in facciata sopra il portale ricorda il restauro eseguito nel 1954









la chiesa vista da dietro: si notato le vecchie lapidi del cimitero nello spiazzo erboso








il lato nord dell'abside con monofora tamponata







vista sul lato sud

La chiesa si trova isolata da ogni abitato, sul culmine di una collina ove era situato il vecchio cimitero di Montechiaro.
Per raggiungerla dalla Valle Versa salire a Montechiaro, entrare nel paese e dopo circa 300 metri svoltare a destra per vicolo Morelli seguendo l'indicazione per la chiesa; poco dopo si raggiunge un incrocio al termine di una discesa: qui prendere la strada davanti a noi, che si incunea fra due case in salita, seguendo le indicazioni. Vi un altro bivio e qui proseguire dritti per l'indicazione che ci porta sul crinale della collina; in lontananza sulla destra davanti a noi si intravede la chiesetta. Proseguire ancora sulla strada che tra poco diventa inghiaiata e poi prendere a destra a mezza costa per la strada sterrata indicata dalla segnaletica: circa 500 metri dopo siamo giunti alla meta
La chiesetta di Santa Maria Assunta si trova sul cucuzzolo di una collina in uno spiazzo erboso dove si trovava il vecchio cimitero di cui sono rimaste alcune lapidi. Notevole il panorama che si ammira.
Per visitarla internamente basta entrare, la porta aperta.
 


Nel 907 la chiesa dell'abitato di Pisenzana venne citata come pieve col nome di S. Maria Madre di Dio da papa Sergio III.
Nel 1156 veniva citata la sua esistenza da papa Adriano IV.
Nel 1169 la stessa cosa faceva papa Alessandro III.
Nel 1270, dopo la fondazione di Montechiaro del 1200 in cui si trasferirono gli abitati di Pisenzana, risulta che lo stesso pievano di S. Maria abitava anch'egli a Montechiaro.
Nel 1297 vennero ceduti vasti possedimenti fondiari della pieve situati a Cortanze, Piea ed Albareto.
Nel 1345 la sede della pieve viene trasferita in Montechiaro nella chiesa di Santa Caterina; alle sue dipendenze vi sono le chiese di Cinaglio, Casasco, Cortandone, Cortazzone, Cunico, Piea, Soglio, Viale.
Nel 1571 fu trovata recentemente restaurata e dotata di 4 altari dalla visita pastorale del vescovo di Asti Della Rovere.
Nel 1662 la chiesa venne degradata dal vescovo di Asti Roero da chiesa parrocchiale a cappella campestre, viste anche le sue pessime condizioni.
Nel 1742 il vescovo di Felizzano la trov in buono stato e nei suoi pressi abitava un eremita. Vi si celebrava raramente.
Nel 1808 la chiesa era diroccata e fu perci riedificata dandole le attuali dimensioni, conservando per l'abside originaria.
Nel 1838 era bisognosa di piccole riparazioni. Vi si celebrava portando il necessario da Montechiaro.
Nel 1954 fu restaurata consistentemente, in particolare la facciata.


La pianta dell'edificio rettangolare, con abside semicircolare; misura circa 6 metri di lunghezza per 4.5 di larghezza

La facciata a capanna, con portale con arco a sesto acuto con conci di pietra alternati a mattoni; Sopra l'arco una lapide ricorda il restauro del 1954. Ai lati della porta d'ingresso vi sono due finestrelle, anch'esse con arco a sesto acuto. La muratura composta da blocchi di pietra squadrati, soprattutto nella parte bassa, e mattoni.

Le pareti sud e nord sono edificate con mattoni laterizi disordinatamente alternati a blocchi di pietra squadrati.

L'abside semicircolare in mattoni;  il coronamento in laterizio presenta degli archetti pensili poggiati su mensoline di forma diversa una dall'altra e sopra il motivo "a quadrelli" in diagonale graffiti a croce. Si vedono due monofore, tamponate all'interno, con arco a tutto sesto ricavato in un monolite di roccia. 

L'interno dell'edificio vede un'aula piuttosto ridotta ed il catino absidale azzurrato; l'altare in muratura intonacata.


la facciata con portale ad angolo acuto e due finestrelle ai lati







il lato sud dell'abside con coronamento con archetti pensili e una monofora tamponata dall'interno







il coronamento in laterizio absidale del lato sud con archetti pensili poggiati su mensoline lavorate; pi in alto vi il motivo a quadrelli diagonali graffiti a croce






il catino absidale interno con piccolo altare







la chiesa vista dal parcheggio








l'arco a sesto acuto con conci di pietra alternati a mattoni

 

BIBLIOGRAFIA:
- DE STEFANO L. VERGANO L. - Chiese romaniche nella provincia di Asti - 1960
- PITTARELLO Liliana - Le chiese romaniche delle campagne astigiane - 1984 - 2002
- VALENTE Tiziana ZANCHETTIN Ferruccio - Chiese romaniche nella provincia di Asti

visita n  

sali ad inizio pagina

torna alla home

VALLEVERSA.it
la bella vallata astigiana 
info@valleversa.it
  - fax 0141 904722

- mercoled 13 agosto 2003

Fase Web 2002-2004